Triplete Eros Capocchia!!! Storico tris di vittorie nazionali. Conferma Parmeggiani. Secondo Sensolini

Lunedì, 04 Novembre 2019 12:33

E' proprio vero che la pioggia battente non ferma l'ardore di chi vuol cavalcare e...stupire! E' ancor più vero che la classe e la perseveranza si dimostrano in campo gara e con un lavoro che arriva da lontano, nel tempo e permette di ottenere ottimi risultati. La storia, poi viene scritta da chi con perseveranza, con il lavoro, con il crederci, con l'astuzia e l'esperienza accumulata, con la passione e la volantà ti permetteno di arrivare là dove nessuno era arrivato. La Stagione agonistica della gimkana è ora conclusa e l'Umbria può festeggiare. Ieri, a Galeata, alle ore 16 in punto del 3 novembre si sono conclusi gli Assoluti d'Italia di Monta da Lavoro con le prove di Attitudine e con la spettacolare Gimkana  applaudita da un migliaio di persone nell'indoor della Fiera dell'Emilia Romagna Galeata Cavalli. Due vincitori, tra gli altri di Categoria: Eros Capocchia e Raluca! Capocchia, tesserato in Umbria ha concluso la stagione agonistica 2019 con la vittoria anche degli Assoluti d'Italia dopo aver vinto il Campionato Italiano specialità Gimkana a Narni e il Campionato Italiano di Gimkana Western a Cattolica. Con due percorsi netti in 1,31,49 e in 1,22,92 e si aggiudica il prestigioso Trofeo degli Assoluti d'Italia con la sua Raluca la femmina saura addestrata da Eros stesso e raggiunge un primato mai riuscito a nessuno: vincere le tre competizioni nazionali tricolori nella stessa stagione!

I Complimenti del Responsabile Nazionale e Presidente di Giuria a Galeata Ernesto Fontetrosciani a Capocchia e a tutti i concorrenti degli Assoluti, grande spirito sportivo e abnegazione nonostante la pioggia torrenziale. 

E pensare che il concorso per Capocchia non è stato per nulla semplice. A rendergli la "vita" particolarmente complicata ci hanno pensato tre giovani campioni italiani: Michele Pistoia, Laura Marsili e Gianmarco Giovannini. Il marchigiano Michele Pistoia con la femmina Nurighedda nella prima manche chiude il cronometro a 1,26,55, meglio di Raluca e Capocchia, ma con un errore che lo porta a terminare il primo go in 1,31,55. Per la cronaca sono 6 centesimi di secondi dal tempo di Capocchia nonostante la penalità. Brividi!

Laura Marsili e Siria, come sempre si dimostrano iper performanti e si prendono la terza posizione di prima manche e quarto a 49 centesimi da Marsili l'abruzzese Gianmarco Giovannini. Le prime quattro posizioni stanno nel tempo di una penalità....

Seconda Manche che riparte ad ordine inverso e arriva immediatamente una zampata di uno dei vincitori degli Assoluti, Renato Chiarini che riporta nella tabella dei Signori Giudici un doppio zero molto importante. Sarà l'unico a viaggiare con percorso netto sino all'ultimo a partire. Bravo Renato. Ripartono tutti i protagonisti della Open per gli Assoluti d'Italia, dai protagonisti per la Regione Marche Gianluigi Capriotti, quinto a Laura Marsili quarta di go a Michele Pistoia terzo per 20 centesimi superato nella seconda prova da Giovannini con 1,24.56. Tutti commettono però un errore nel percorso sibillino di Ernesto Fontetrosciani che ancora una volta ha trovato il modo di rendere ogni suo disegno del parco ostacoli avvincente e particolare con continue linee spezzate, mezze volte e tagli diagonali. Nei percorsi del Commissario della Nazionale Italiana non basta essere solo bravi. Si deve vincere con tutto. Con la testa, con la bravura, con tantissima tecnica, con le gambe ed il fiato, con il cuore...e con un pizzico di fortuna. Sono i percorsi del Campionati Italiani. E' il percorso degli Assoluti d'Italia. Se lo devono guadagnare il titolo! Si vince con gli incitamenti del numeroso pubblico bagnato dalla pioggia a scaldare i concorrenti. Parte Capocchia e parte Raluca. Rischia l'eliminazione. Il Cavaliere si butta a destra per stare in traiettoria e Raluca si sostiene in un granello di sabbia e stanno dentro al percorso. 10 difficoltà e la linea del traguardo. Il finish ed il tempo: 1,22,92. Netto. Triplete.

Per gli Assoluti d'Italia di Completo i complimenti e l'Inno di Mameli intonato alla bravura dell'amazzone riminese Giulia Parmeggiani che rivince il titolo assoluto con il baio andaluso Guarani IV dopo averlo vinto già nel 2017. Classe e bravura sopraffina in una giovanissima dressagista italiana che si conferma una vera campionessa. In attitudine il punteggio medio del 92%. Chapeau!

Nella prova di velocità ritorna alla medaglia d'Oro, da lei già vinta, la bravissima Sara De Rosa con il confermato Berry Doc Pride. Il binomio del Tabù Ranch Marche vince sia la prima che la seconda manche di un soffio su Luca Sensolini e Joby Snap. Il Campione Amatori Umbria tesserato per il Centro Ippico La Somma di Spoleto come Capocchia, dopo aver dominato la stagione agonistica umbra sale a Galeata e di pochissimo sfiora l'impresa storica di regalarci due medaglie d'Oro in un colpo solo. Secondo ma con grande onore.

 

 

Nico Belloni